Materia

Il silicone*

Questo gigantesco blob gelatinoso, che Alessandro Ciffo lavora come farebbe uno scultore classico con il bronzo o la terra cotta, è un materiale nuovo, tecnologico, ma al tempo stesso dotato di una sua spiritualità. È per questo che al Ciffo piace trattarlo, con tecnica di fusione o applicazione di vari strati a spatola.


A differenza di altri materiali sintetici, il silicone non necessita di stampi. Si lavora artigianalmente a freddo, può essere modificato, colorato, profumato. È umido e vischioso al tatto. La sua consistenza adesiva, che rappresenta un limite per determinate applicazioni, diventa il suo punto di forza, perché consente al silicone di registrare la primitività e l’istintività del gesto manuale, caricandosi così di energia espressiva. 

*Nota:Il silicone è una macro molecola (polimero inorganico), cioè non ci sono atomi di carbonio nella catena principale. Lo scheletro è una catena di atomi di silicio alternati ad atomi di ossigeno. In poche parole è una gomma sintetica in cui i legami tra un atomo di silicio e i due di ossigeno, attaccati a quest'ultimo, sono molto flessibili. L'angolo formato da questi legami può aprirsi e chiudersi come una forbice senza troppi problemi. Questo rende la catena elastica. Il silicone più comune è il polimero detto polidimetilsilossano. Si presenta allo stato fluido di olii, resine, leganti e gel.

Marina Mojana, tratto dal Catalogo “2007 KG. di Silicone in Tipografia”


* HIDDEN AGENDA DI KEVIN MACLEOD È UN BRANO AUTORIZZATO DA CREATIVE COMMONS ATTRIBUTION (HTTPS://CREATIVECOMMONS.ORG/LICENSES/BY/4.0/) - FONTE: HTTP://INCOMPETECH.COM/MUSIC/ROYALTY-FREE/INDEX.HTML?ISRC=USUAN1200102 - ARTISTA: HTTP://INCOMPETECH.COM/

All contents by Alessandro Ciffo © 2006-2017

Site design by Kdesign